Profumo di fiori…quanto è bella la Primavera

Ombrello a fiori

In primavera si tiene sempre un ombrello a portata di mano! Pioggia e sole si alternano velocemente e dobbiamo tenerci pronti a sfidare il maltempo.

Breve storia dell’ombrello: L’origine dell’ombrello risale certamente a millenni addietro. Risulta difficile stabilire se l’ombrello parasole fu inventato prima in Cina, India o Egitto; certo è che venne raffigurato spesso da queste civiltà ed è ampliamente dimostrato che avesse anche un notevole valore simbolico. In Egitto e India venne associato alle divinità della fertilità e del raccolto, in Grecia fu legato al culto di Pallade Athena e di Persefone e dai Romani fu utilizzato dalle donne come strumento di seduzione.

In Giappone l’ombrello divenne la massima espressione femminile di eleganza e raffinatezza. Fu durante il corso del 1700 che in Inghilterra fu utilizzato per la prima volta come riparo dalla pioggia.

Materiale

Colla a caldo, petali di fiore sintetici (si possono recuperare anche da fiori artificiali sfilando i petali stessi) e un ombrello tinta unita.

o1

Esecuzione

Metti al centro di ciascuna corolla un po’ di colla a caldo e inizia a sistemare i fiori in modo simmetrico e ordinato, intercalando i due, volendo anche in più svariate tinte, colori scelti.

o02.jpg

Prosegui il tuo lavoro riempiendo tutta la superficie dell’ombrello.

Ecco terminato il nostro lavoro; ora potremo sfidare la pioggia e il maltempo con un tocco di allegria.

  • Qui puoi vedere anche un tutorial per personalizzare la tua borsetta tutorial borsetta

 

 

 

 

 

 

Un lavoretto facile per la cameretta

Ecco un tutorial per fare un lavoretto semplice per la cameretta: la mongolfiere di carta fai da te. Ad opera della nostra blogger Lucia Chiaruttini che ha realizzato per noi questi stupendi lavoretti per l’estate adatti a grandi e piccini.

Breve storia della mongolfiera

I primissimi palloni ad aria calda furono realizzati in Cina attorno alla metà del terzo secolo d.C. , comunemente conosciuti come lanterne cinesi. Ben più tardi, nel 1709, Bartolomeu de Gusmão, un portoghese, fece decollare un pallone fatto di carta d’aria calda a pochi metri da terra. Il primo volo con equipaggio a bordo avvenne il 19 ottobre 1783 a Parigi, in Francia, grazie al progetto di aerostato di Joseph-Michel e Jacques-Étienne Montgolfier (da cui il nome mongolfiera).

Una mongolfiera è costituita da un ampio pallone realizzato in tessuto mono-strato di nylon dotato di un’apertura nella parte bassa, la gola, e al di sotto della quale vi è il bruciatore.
Al pallone è appeso un cesto, detto gondola, nel quale alloggiano i passeggeri e il conducente.
 L’aria riscaldata dal bruciatore è più leggera di quella esterna al pallone e determina la spinta ascensionale che fa decollare la mongolfiera., la quale può arrivare fino a 20.000 metri di quota.

Occorrente

  • Lanterne cinesi di svariati colori
  • Bicchierino di carta o piccolo cestino
  • Spago bianco sottile
  • Fermagli
  • 1 stuzzicadenti
  • Forbici

Per coloro che avessero difficoltà a trovare un contenitore adatto ho una soluzione simpatica: i pirottini! Prendete 3 stampini in carta per cup cakes e create un contenitore solido da utilizzare per la mongolfiera.

mon2 - Copia mon3 - Copia

Istruzioni

  1. Prendete lo spago e tagliate due lunghezze da un metro
  2. Fate un foro nel cestello utilizzando uno stuzzicadenti e fate passare i due fili a croce
  3. Fermateli alle estremità con un piccolo nodo
  4. Incrociate i due fili come nell’immagine e inserite la lanterna cinese che avrete aperto e fissato con i fermagli
  5. Annodate una piccola porzione di spago al punto di incrocio delle due lunghezze e al gancio della lanterna cinese in modo da assicurare la sospensione della stessa
  6. Mettete dei sassolini nel cestello e un pupazzetto dimensionato alla vostra creazione.